Aurora, una storia italiana

Era il 1919, anno della pace di Versailles. In un'Italia segnata dalla crisi postbellica, ma percorsa da grande speranza e forte desiderio di ripresa, si muoveva il primo passo di un lungo viaggio: la nascita di Aurora, la prima vera stilografica italiana. Un ricco mercante tessile, fondatore della omonima casa torinese, vide il concretizzarsi di un sogno a lungo vagheggiato.

In quell'anno, il successo riscosso dalla mitica penna Aurora coincise con un nuovo corso storico. L'Italia si risvegliava ai primi raggi di un sole destinato a non tramontare mentre Aurora diventava il nome di un'azienda destinata al successo.

Fin da quei primissimi anni l'azienda si dimostrò capace di produrre strumenti di scrittura dal fascino e dalla raffinatezza inconfondibili. Uno stile unico che, seguendo l'evoluzione del gusto, ieri come oggi, unisce esperienza, tecnica, materiali preziosi e fine artigianato.

Ottenuto l'apprezzamento degli estimatori di tutto il mondo, il marchio rappresenta forme e materiali che, da sempre, sono esempi concreti del più raffinato made in Italy.

aurora
Aurora, una storia italiana